Industria nucleare cinese a corto di manodopera

a cura di:

Archiviato in: in
8 Maggio 2006

Sebbene la Cina abbia investito maggiormente nel training dello staff, tuttavia deve ancora fare i conti con una forte carenza di manodopera, se vuole portare avanti l’ambizioso piano di sviluppo della sua industria nucleare, riferiscono degli esperti del settore. La Cina progetta infatti l’espansione della sua capacità produttiva nucleare fino a 40 milioni di kilowatt entro il 2020, una crescita notevole se paragonata agli attuali 8.7 milioni di kilowatt, per rispondere alla crescente richiesta energetica del Paese, nonché per diminuire l’inquinamento ambientale, causato principalmente da centrali alimentate a carbone.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link