La Cambogia chiede maggiore equilibrio nello sviluppo economico dei paesi Asean

a cura di: Lorenzo Riccardi

Archiviato in: in
Asean

Il Primo Ministro della Cambogia Hun Sen ha invitato i Paesi membri dell’ASEAN (Association of Southeast Asian Nations) ad impegnarsi per ridurre il divario tra i diversi livelli di sviluppo economico all’interno dell’ASEAN, durante la progettazione dell’Asean Economic Community, la cui costituzione è prevista per il 2015.

L’ASEAN Economic Community rappresenta l’obiettivo di cooperazione internazionale per la regione del Sud Est Asiatico. L’Associazione punta a sviluppare un mercato unico regionale e a raggiungere un alto livello di integrazione con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo economico della regione.

Durante l’apertura dell’incontro annuale dei ministri dell’economia dei paesi del sud East Asiatico, il Primo Ministro cambogiano ha dichiarato che nonostante il gap tra i membri dell’ASEAN sia stato ridotto nel passare degli anni, le differenze nei livelli di sviluppo economico sono ancora enormi.

Il divario tra i paesi, unito alla fragile ripresa economica dell’Occidente, alla crisi del debito e ai disordini del Medio Oriente pongono una grande minaccia allo sviluppo socio-economico dell’Associazione dei Paesi del sud est Asiatico.

Oltre alla riduzione del gap nello sviluppo, il Primo Ministro Hun Sen ha inoltre posto l’attenzione sulla necessità di migliorare I collegamenti tra i membri dell’Asean, creando infrastrutture e istituzioni appropriate, e promuovendo le piccole e medie imprese.

Il progetto di costituzione dell’Asean Economic Community entro il 2015 ha la massima priorità, per riuscire a creare un mercato unico, un’unica base produttiva con libero scambio di beni, servizi, investimenti, lavoratori e capitali.

La collaborazione massima, richiesta dalla Cambogia, punta ad evitare la formazione di un sistema Asean con paesi a due velocita’, come avvenuto con l’unione europea e pone attenzione al rischio di fallimento di un’associazione per cui i Paesi membri si sono impegnati negli ultimi 40 anni.

 

Lorenzo Riccardi – Dottore commercialista, Shanghai lr@rsa-tax.com – RsA Asia

Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link