La Cina rifiuta il rapporto del Pentagono sulla sua “minaccia militare”

a cura di:

Archiviato in: in
8 Febbraio 2006

Ieri la Cina ha presentato il suo netto rifiuto nei confronti del rapporto presentato dal Pentagono, il quale dimostrerebbe "la minaccia militare della Cina" . "Il rapporto interferisce con gli affari interni della Cina attaccando, senza alcun fondamento, il normale lavoro di costruzione della difesa nazionale", ha riferito oggi il portavoce del Ministero degli affari esteri Kong Quan in un briefing aggiungendo "non solo ma solleva anche paure infondate di una possibile minaccia militare cinese e rischia di fuorviare l’opinione pubblica e internazionale". Secondo Kong Quan, la Cina avrebbe intrapreso da tempo il percorso verso uno sviluppo pacifico adottando una politica militare di natura puramente difensiva. "La Cina non ha mai minacciato nessun paese in passato e tanto meno lo farà in futuro", ha sottolineato Kong. "Tra le maggiori potenze mondiali emergenti, la Cina ha il più grande potenziale per competere militarmente con gli Stati Uniti attraverso tecnologie militari distruttive che potrebbero col tempo permetterle di fronteggiare le strategie militari americane", riferisce l’ultimo rapporto del Pentagono. Ruan Zongze, direttore dell’Istituto cinese sugli studi internazionali nonché esperto delle relazioni cino-americane, ha affermato che il suddetto rapporto criticherebbe la Cina soprattutto per la sua mancanza di trasparenza militare. "Questa critica è inaccettabile", sostiene Ruan, "la Cina pubblica ormai da anni i white papers sulla difesa nazionale come dimostra anche l’ultimo "libro bianco"sullo sviluppo pacifico pubblicato nel dicembre del 2005."

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link