La versione amorosa della Rivoluzione Culturale: Yan Lianke, Servire il Popolo

a cura di:

Archiviato in: in
La versione amorosa della Rivoluzione Culturale: Yan Lianke, Servire il Popolo

4 Luglio 2007

YAN LIANKE — SERVIRE IL POPOLO — EINAUDI STILE LIBERO

Traduzione di Patrizia Liberati

pp. 139

Euro: 10.00

Titolo originale: Wei renmin fuwu

"Servire il popolo" è un famoso slogan di Mao Tzedong che è possibile leggere ancora oggi all’ingresso del Zhongnanhai, la zona chiusa del governo di Pechino, ma è anche il titolo di questo breve romanzo di Yan Lianke, una novella erotica che, con stile irriverente e beffardo, racconta la storia del soldato Wu Dawang il quale, seguendo alla lettera i dettami del Presidente Mao, offre le proprie prestazioni d’amore alla giovane e affascinante moglie del suo comandante.

Ambientato al tempo della Rivoluzione Culturale, il libro narra la storia d’amore tra Wu Dawang, un giovane soldato che si era conquistato l’onore di essere scelto dal comandante come attendente e cuoco per aver saputo recitare alla perfezione le 286 citazioni delle opere del Presidente Mao, e la giovane ed attraente moglie del comandante che, facendo leva proprio sulla fedeltà morale del giovane soldato agli insegnamenti del "Grande Timoniere", lo fa cadere nella rete dei suoi giochi erotici. La bellissima Liu Lian, infatti, approfittando dell’assenza del marito, richiede a Xiao Wu dei servizi diversi rispetto a quelli tradizionali. Wu Dawang, inizialmente titubante, capisce poi che il popolo va servito ad ogni costo e servire bene il proprio superiore è una parte essenziale del proprio dovere. Comincia così un periodo di rovente passione che vede la morale capovolgersi.

Una storia al limite del paradosso, dove le frasi del Presidente Mao vengono pronunciate in un contesto che le ridicolizza e le diffama.

Il libro fu pubblicato in edizione ridotta sulla rivista cinese Hua Cheng, ma fu subito ritirato dall’Ufficio Centrale di Propaganda e censurato perché accusato di diffamare l’immagine di Mao e dell’esercito e perché considerato un testo pornografico.

In realtà, in base alla nostra concezione, il testo risulta ben lontano dalla pornografia. Gli incontri erotici tra i due protagonisti vengono solo accennati e mai raccontati con volgarità. Più che di un testo pornografico è meglio parlare di un testo dissacrante l’iconografia maoista, sarcastico e beffardo dell’ideologia di partito e della sua eccessiva rigidità.

Gli ideali e gli slogan maoisti vengono riletti e interpretati come mezzo per soddisfare le proprie passioni, quasi come scusa giustificante l’amore clandestino che nasce tra i due protagonisti.

Quella tra Liu Lian e Wu Dawang è una storia erotica a sfondo socio- politico che vuole quasi essere una denuncia dello stravolgimento dei precetti rivoluzionari per scopi personali.

E l’autore riesce nel proprio intento in maniera magistrale, facendo dei simboli maoisti strumenti di comunicazione tra i due amanti ("Xiao Wu, quando vedrai che la tavoletta "Servire il popolo" ha cambiato posizione, vorrà dire che ho bisogno di te e che dovrai salire subito al piano di sopra), e scegliendo come scenario dei loro incontri d’amore la casa del Comandate, un "ambiente semplice e sobrio che trasuda glorie e onori tradizionali", con immagini del Presidente Mao e delle sue supreme istruzioni appese ovunque.

Yan Lianke ha intrapreso la carriera militare nel 1978 ed ha iniziato a scrivere all’età di vent’anni.

Daniela Ingrosso

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link