L’itinenerario: Meditazione vipassana in Birmania

a cura di:

Archiviato in: in
L’itinenerario: Meditazione vipassana in Birmania

10 Luglio 2007

YANGON: Nonostante le drammatiche condizioni politiche del paese, con regimi dittatoriali che si susseguono al potere da oltre quarant’anni, la prima impressione che si ha arrivando in Birmania è di pace e di calma serenità. La capitale del paese, Yangon, accoglie il visitatore occidentale con le sue grandi strade che, seppur affollate, appaiono sempre tranquille. Attraversando queste vie è piacevole perdersi tra la varietà di colori creata dai longyi, le gonne pareo annodate in vita e indossate ancora oggi dalla maggior parte della popolazione, e i sorrisi cordiali delle donne dai capelli lunghissimi e il volto impasticciato da una crema giallognola, estratta dalla corteccia di un albero locale, e considerata il segreto della loro bellezza.

La Birmania è un paese che offre attrazioni turistiche uniche nel continente asiatico: le rovine di Bagan sono considerate al pari di quelle di Angkor in Cambogia e la roccia d’oro di Kyaiktiyo, sospesa su un dirupo e sovrastata da uno stupa, è un luogo di culto dal fascino impareggiabile.

Sebbene due settimane vi consentiranno di visitare i luoghi più importanti e di farvi un’idea della gentilezza e cordialità della popolazione, un soggiorno più lungo potrebbe consentirvi un’esperienza unica sia dal punto di vista culturale che dal punto di vista spirituale: praticare la meditazione vipassana in un centro di meditazione. La meditazione, uno dei cardini del pensiero buddista, ha come scopo capire la vera natura della mente e della materia, ed è ampiamente diffusa tra la popolazione, che qui è ancora fortemente legata a questa religione.

Oggigiorno la meditazione sta trovando un crescente numero di sostenitori anche in Occidente, offrendo un metodo per affrontare la vita con serenità e per risolvere problemi quali ansia, infelicità, tensione nervosa e affaticamento. La meditazione non è una cura per malattie mentali, tuttavia la sua pratica continua e duratura insegna all’individuo a essere bilanciato e sereno in tutte le circostanze. L’obbiettivo è quindi purificare la propria mente, infatti, come è scritto nel Dhammapada, una tra le più importanti raccolte dei discorsi del Buddha: «Non chi vince mille volte mille uomini in battaglia, ma colui che conquista la propria mente è un vero vincitore».

Ciò che vi occorre è del tempo (l’ideale sarebbe fare un corso di 10 giorni, considerato il tempo minimo per avere una prima infarinatura sulla pratica) e una discreta conoscenza dell’inglese (o del birmano) per seguire le istruzioni del vostro maestro. Se decidete di iscrivervi al corso di 10 giorni, all’avvio vi sarà chiesto di prendere un impegno di restare per tutta la durata dello stesso, di attenervi ai Cinque Precetti (astinenza dall’uccisione, dal furto, dalla menzogna, da comportamenti sessuali e da sostanze inebrianti) e ad astenervi dal mangiare dopo mezzogiorno. Durante la vostra permanenza all’interno del centro, non potrete parlare con nessuno, né tantomeno scrivere, leggere o avere contatti telefonici con le persone all’esterno. Tuttavia, vi sarà possibile parlare col vostro maestro nel caso in cui abbiate dubbi o domande sulla pratica, e parlare col manager del corso nel caso aveste necessità particolari. La maggior parte dei centri offre dei corsi "strutturati" con un programma rigido che comprende almeno 10 ore di meditazione al giorno. Non fatevi intimorire dalla prospettiva del silenzio, della solitudine e delle 10 ore giornaliere seduti nella posizione del loto: la maggior parte della gente che ha fatto quest’esperienza ne è entusiasta e ne ha tratto incredibili benefici.

Da momento in cui comincerà il corso in poi non dovrete più preoccuparvi di cosa mangiare, di pulire o di fare altro, perché dei volontari saranno a vostra completa disposizione per cucinare e per creare un ambiente accogliente dove potrete dedicarvi esclusivamente alla pratica del vipassana. La maggior parte dei centri offre questi corsi gratuitamente, pertanto è raccomandabile lasciare una donazione una volta finito il corso. Nel caso in cui non aveste 10 giorni di tempo, in alcuni centri potrete chiedere la cortesia di praticare la meditazione "da esterno". Il maestro vi istruirà su come procedere e avrete accesso alle stanze per la pratica. Nella maggior parte dei centri sono disponibili delle guide sulla meditazione vipassana che vi consigliamo vivamente di comprare, dato che l’accento birmano del vostro maestro potrebbe essere in alcuni casi di ostacolo alla comprensione della tecnica.

L’offerta di centri in Birmania è molto ampia, anche se quelli con facilità per Occidentali sono in numero minore. Esistono diversi metodi per praticare la meditazione, tuttavia i due più diffusi in Birmania sono il metodo del maestro U Ba Khin e quello del maestro Mahasi Sayadaw, entrambi di origine birmana. A seguire diamo una breve descrizione di questi due metodi anche se, chiaramente, la meditazione va praticata piuttosto che non appresa passivamente.

Il metodo di U Ba Khin consiste nel concentrare inizialmente la propria attenzione sul punto delle narici laddove l’aria entra ed esce dal corpo. Successivamente, dopo aver imparato a padroneggiare questa pratica, chiamata "samatha", lo yogi concentra la propria attenzione sulle sensazioni del corpo, dalla punta della testa alla punta dei piedi. Secondo il metodo di Mahasi Sayadaw invece, inizialmente lo studente pratica la meditazione camminando e concentrando la propria attenzione sul piede che si solleva da terra, va in avanti e tocca nuovamente per terra, facendo un’ annotazione mentale di ciò che accade (in inglese, lo yogi pensa "’lifting, pushing, dropping"). Dopo aver meditato così per almeno quaranti minuti, si passa alla meditazione da seduti, durante la quale la concentrazione va sul movimento dell’addome durante inspirazione e espirazione, con conseguente annotazione mentale "rising-falling"

A seguire offriamo una lista dei corsi aperti anche agli stranieri. Ricordiamo anche che, dato che spedire email dalla Birmania può essere costoso, è consigliabile generalmente inviare anche un numero di fax o un indirizzo di posta al quale potrete essere corrisposti.

Chanmyay Yeiktha Meditation Centre

55A Kaba Aye Pagoda Road

Kaba Aye P.O. (Yangon) 11061

Tel: 0095 -1- 661479, Fax: 01- 667050

Email: chanmyay@mptmail.net.mm

Sito web: www.chanmyay.org

Metodo: Mahasi Sayadaw

Chanmyay Yeiktha significa "ritiro tranquillo". Questo è uno dei centri più rinomati tra gli occidentali, con diramazioni anche in Inghilterra, Sud Africa, Malesia e Tailandia. A Chanmyay Yeiktha generalmente vengono accettati anche studenti esterni per cui, se siete di passaggio per Yangon, potreste spendere qui i vostri pomeriggi. In Birmania questo centro ha altre sedi a Hmawbi (nord di Yangon), pensato appositamente per stranieri, e a Pyin Oo Lwin , Taunggyi, Hinthata, e Leway.

Panditarama Meditation Centre

80 A, Thanlwin Road

Shwe Gon Dine P.O., Bahan (Yangon)

Tel: 0095-1- 535448, 705525

Sito web: web.ukonline.co.uk/buddhism/pandita.htm

Metodo: Mahasi Sayadaw

Questo centro ha anche un’appendice, il Forest Meditation Centre (tel. 00951- 247211) ad un ora di distanza da Yangon, specificatamente costruito per occidentali e con due hall per la meditazione (una per uomini e una per donne). Il maestro, Sayadaw U Pandita Bhivamsa, è considerato una delle eminenze buddiste la cui saggezza e intelligenza sono senza pari nel mondo. Nonostante oggi Sayadaw U Pandita Bhivamsa non si occupi più dei colloqui personali con gli yogis, da ancora interessanti discorsi su Dramma.

Yangon Vipassana Centre – Dhamma Joti

Nga Htat Gyi Pagoda Road, Bahan (Yangon)

Tel: 0095-1- 549290, 546660

Email: info@joti.dhamma.org

Sito internet: www.joti.dhamma.org

Metodo: Metodo del maestro S.N. Goenka nella tradizione del maestro U Ba Khin

Il centro Dhamma Joti, aperto nel 1993, ospita 150-200 studenti per corso. La meditazione secondo il metodo di Goenka è una delle più praticate al mondo, con centri in quasi ogni nazione occidentale (in Italia, il centro è a Obolo di Gropparello, consultate il sito internet alla fine della pagina). Seguire un corso in Myanmar quindi vi darà la possibilità di fare pratica proprio nel luogo di origine dei due grandi maestri S.N. Goenka e U Ba Khin.

Mahasi Sasana Yeiktha Meditation Centre

Buddha Sasana Nuggaha Organisation

No 16, Sasana Yeiktha Road, Yangon, 11201Myanmar

Tel: 0095-1- 541971, 552501

Fax: 289960, 289961

Email: Webmaster@mahasi.com

Sito web: http://web.ukonline.co.uk/buddhism/mahasi.htm

La durata minima dei ritiri al Mahasi Sasana Yeiktha va da sei a dodici settimane, pertanto sarà il centro stesso ad occuparsi di farvi avere una lettera di sponsorizzazione per ottenere un visto turistico più esteso. Il centro accoglie gli yogi continuamente durante l’anno; il programma giornaliero prevede meditazione da seduti e meditazione camminando dalle 3 del mattino in poi, con delle pause per pranzare e lavarsi.

Pak Auk Forest Monastery

c/- Major U Khan Sain (Rtd)

653 Lower Main Road

Mawlamyine, Mon State, Myanmar

Tel: 0095-32- 22132

Sito web: www.paauk.org

Metodo: Pak Auk (dal nome del maestro)

Questo monastero si trova nello stato di Mon nel Myanmar del nord, e ospita un gran numero di monaci e monache, molti dei quali stranieri. Ancora una volta il programma giornaliero prevede meditazione da seduti e camminando per almeno dieci ore al giorno, con colloqui giornalieri col maestro Pak Auk. Avvisiamo che qui i discorsi sul Dhamma vengono offerti solo in Birmano.

International Theravada Buddhist University

Dhammapala Hill, Mayangone P.O.(Yangon)

Tel: 0095-1-665673 / 660171

Fax: 0095-1-665728 / 660789

Questa Università, fondata nel 1998, offre un diploma di un anno, un BA biennale, un Master triennale e un dottorato quadriennale in Buddha Dhamma a studenti con un’infarinatura di Pali o Sanscrito.

ALTRI CENTRI

Saddhamma Ransi Meditation Centre

7 Zeyar Khemar Road,

Mayangone 7SHP (Yangon)

Tel: 0095-1- 661597

Sito web: http://www.nibbana.com/saddhama.htm

Metodo: Mahasi Sayadaw

Shwe Oo Min Dhamma Sukha Yeiktha

‘The International Centre’

Aung Myay Thar Yar Road

Gone Tala Poung village

Mingaladon (Yangon)

Tel. 0095-1- 636402.

Email: headway@mptmail.net.mm

Ameriga Giannone

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link