Microsoft cerca di recuperare il tempo perduto in Cina

a cura di:

Archiviato in: in
30 Maggio 2006

HONG KONG: E’ trascorso oltre un mese dalla visita del presidente cinese Hu Jintao negli Usa e al quartier generale della Microsoft a Redmond, e ora il Gigante dei software americano si sta muovendo per recuperare il tempo perduto in Cina.

Un nuovo accordo è stato firmato con il Governo centrale per promuovere l’innovazione della tecnologia informatica locale e colmare il divario ‘digitale’ nelle aree rurali, mentre un progetto di utilizzo di personal computer attraverso schede pre-pagate è stato lanciato in collaborazione con Lenovo Group.

Tuttavia, la corsa allo sviluppo di nuovi progetti nel Colosso asiatico della Micorsoft, a cui si è particolarmente dedicata negli ultimi dieci anni, non rischia di superare i suoi solidi investimenti in India.

Microsoft ha firmato la scorsa settimana a Pechino un memorandum of understanding (MoU) con il ministero dell’Informazione per promuovere l’innovazione nel settore IT e nelle società di software del Paese e colmare così il divario tra le aree sviluppate e rurali. Microsfot progetta anche di ampliare il training e il supporto tecnico fino a quasi 250 milioni di yuan nei prossimi 5 anni. L’accordo prevede anche la realizzazione di una serie di laboratori gestiti congiuntamente dal ministero dell’Informazione e da Microsoft, a cui si aggiunge anche il piano di entrambe le parti per preparare 1000 istruttori, 20.000 ingegneri di software e altri 50.000 esperti dell’IT attraverso una formazione a distanza.

Microsoft sosterrà anche i progetti pilota del ministero dell’Informazione per avviare centri di servizi informativi presso almeno 5 regioni rurali, che permetteranno alle comunità locali di usare le tecnologie IT per migliorare i loro stili di vita.

Con Lenovo, Microsoft ha annunciato inoltre dei test di mercato per servizi "pay-as-you-go", attraverso schede telefoniche pre-pagate. I consumatori potranno acquistare un Pc desktop Lenovo pagando la metà del prezzo originario e il resto attraverso le carte pre-pagate Lenovo.

Rispetto ai 2000 impiegati che la società possiede in Cina, lo staff indiano è di gran lunga superiore, 4000, e prevede di arrivare a 7000 nei prossimi 4 anni. Microsoft investirà inoltre circa 1.7 miliardi in India nei prossimi 4 anni per rafforzare i suoi sforzi nella ricerca e nello sviluppo.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link