Mumbai, il via allo sciopero dei risciò

a cura di:

Archiviato in: in
28 Aprile 2008

MUMBAI: "Le auto si fermeranno alla mezzanotte di oggi ed in città ci si aspetta che più di 140,000 conducenti di tutto lo Stato incroceranno le braccia, ‘ha affermato Sharad Rao, presidente dell’unione conducenti di risciò di Mumbai’, durante una conferenza stampa tenutasi lo scorso lunedì.

Lo sciopero è stato organizzato per protestare contro la decisione del Governo di introdurre dei tassametri elettronici in tutti i risciò e contro l’obbligo di iscrivere i mezzi, a partire dal 1 marzo, presso il registro dell’Ufficio di Trasporto Statale (RTO). Il Dipartimento dei trasporti ha inoltre previsto di rendere obbligatorio l’uso dei tassametri elettronici anche per i taxi, anche se in questo caso il passaggio ai nuovi tassametri avverrà in maniera graduale.

Mr. Sharad Rao ha detto che la proposta di dotare di tassametri elettronici i risciò era attesa per la fine dell’anno e non con un così breve margine di tempo, e che pertanto tale decisione è stata presa in fretta, senza considerare le necessità e le difficoltà economiche dei numerosissimi conducenti di risciò. Rao Sharad ha inoltre previsto che oltre 700 mila auto in tutta lo Stato parteciperanno alla tre giorni di sciopero.

Anche gli autisti de taxi si sono dichiarati contrari ai tassametri elettronici. Mr. Al Quadros, Presidente dell’Unione Tassisti di Mumbai, ha detto gli autisti che non aderiranno allo sciopero dei conducenti di risciò. Tuttavia questi ultimi protestano anche contro l’obbligo di installare le stampanti all’interno delle autovetture. I risciò, invece, sono stati esentati dall’obbligo delle stampanti per le ricevute.

I tassisti, dal canto loro, protestano in quanto hanno dichiarato di pagare cifre esorbitanti e prestiti interminabili sui loro veicoli e non si sentono in grado di sopportare i costi aggiuntivi per l’installazione dei tassametri elettronici e delle stampanti.

La decisione di sostituire i tassametri e di installare le stampanti per le ricevute è stata presa dal Governo dello Stato del Maharashtra l’anno scorso, a seguito di numerosi reclami da parte dei passeggeri.

Mercedes Lopez