Nave cinese nell’area contesa delle Diaoyu, ignorato avvertimento del Giappone

a cura di:

Archiviato in: in
3 Luglio 2006

TOKYO: Una nave cinese, impegnata in operazioni di rilevamento marittimo, è stata segnalata domenica mattina nei pressi delle Senkaku, le isole controllate dal Giappone ma reclamate anche dalla Cina, ignorando gli avvertimenti di una nave pattuglia, ha riferito oggi la Guardia Costiera giapponese.

La nave, la Dongfangfong n.2 di 3.235 tonnellate, è stata avvistata a 24 km sudovest delle isole Diaoyu, tra l’isola meridionale del Giappone Okinawa e Taiwan.

La nave non avrebbe violato le acque territoriali nipponiche, tuttavia è rimasta nella Zona Economica Esclusiva giapponese.

La Guardia Costiera ha chiesto al ministero degli Esteri di presentare reclamo spingendo Pechino a interrompere immediatamente le operazioni di esplorazione nell’area.

La Cina sostiene di avere il diritto allo sfruttamento delle risorse nel Mar Cinese Orientale, ma Tokyo ne ribadisce anche il suo possesso.

La nave avrebbe ignorato i ripetuti avvertimenti via radio lanciati della Guardia Costiera giapponese, continuando imperterrita a raccogliere campioni delle acque. Poi si è spostata verso nord, non abbandonando però le acque contese.

La Cina aveva già condotto operazioni di esplorazione senza previo avvertimento nei pressi delle isole contese nell’agosto del 2004.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link