Nuova pipeline nel sud-est asiatico

a cura di:

Archiviato in: in
27 Luglio 2006

KUALA LUMPUR: Petronas, principale società petrolifera malesiana ha confermato l’acquisto per 1.1 miliardi di dollari, di una parte degli asset della compagnia petrolifera russa OAO Rosneft, hanno riferito i vertici dell’azienda mercoledì.

‘Noi aspiriamo a diventare dei leader globali nel settore del petrolio e del gas, ed è per questo motivo che dobbiamo rafforzare la nostra presenza in Russia’, ha dichiarato Hassan Marican, capo esecutivo di Petronas.

L’acquisto permetterà alla società malesiana di allargare la sua influenza globale e ridurre i rischi geopolitici, ha detto Hassan Marican.

Più della metà dell’IPO lanciata su Rosneft, pari a 10.4 miliardi di dollari, viene da cinque investitori: tre stranieri, inclusa la Petronas, un banca di stato russa e un’altra società della quale non si conosce il nome, stando a quanto riportato dal Dow Jones Neswires.

Petronas ha confermato che verrà costruita una pipeline lunga 480 chilometri per trasportare LNG (gas liquido naturale, ndr), dal giacimento di Sabah per essere processato a Sarawak. Il progetto sarà completato entro la fine del 2010.

Hassan, ha anche riferito che Petronas sta anche tenendo al momento colloqui con la CNOO Corp. (China National Offshore Oil Corp), per discutere i termini del contratto per poter rifonire il terminale orientale di Shanghai di gas. Nessun MoU (Memorandum of Understendig), è stato al momento siglato tra le due società petrolifere.

Marianna Sacchini

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link