Nuovi investimenti di Toshiba nel comparto dei microchip

a cura di:

Archiviato in: in
31 Maggio 2006

TOKYO: Il gruppo Toshiba, il più importante fabbricante di microchip del Giappone, ha pianificato di investire 50 miliardi di yen (448 milioni di dollari), nei prossimi cinque anni, per edificare una fabbrica di microchip che controllino il flusso di elettricità.

La costruzione comincerà a settembre e la produzione inizierà al più presto nel luglio 2007. Lo stabilimento, si trova nella prefettura di Ishikawa, e lì verrano prodotti 60.000 fogli di 200 millimetri.

Toshiba Corp., investirà ulteriori 622 miliardi di yen nei prossimi tre anni, nella produzione di unità di semiconduttori. La compagnia del Sol Levante è il secondo produttore mondiale di chip usati da NAND, computer Apple, riproduttori Ipod e telefonia mobile.

Lo stabilimento di Ishikawa costruirà un particolare tipo di microchip che serva a controllare il flusso di corrente elettrica nei personal computer, automobili e apparecchi elettronici in genere, come i pannelli a terra per le televisioni.

La compagnia costruirà più di un impianto NAND, incluso uno all’estero, competendo con la rivale Samsung Electronics Co., la prima produttrice di NAND.

300 miliardi di yen saranno investiti per costruire il quinto impianto NAND a Iwate, nel nord del Giappone. Vi è al vaglio la possibilità di costruirne un altro a Singapore, ma al momento non sono stati diffuse ulteriori notizie.

L’impianto di Iwate userà fogli di 300 millimetri, e la produzione comincerà nel 2008.

Marianna Sacchini