Nuovo androide coreano

a cura di:

Archiviato in: in
10 Maggio 2006

SEOUL: Ha il viso e il fisico di una ventenne, lunghi capelli neri e gli occhi verdi. È alta 1,60 cm e pesa 50 kg. Per molti uomini sarebbe la compagna ideale. Soprattutto perché parla solo su richiesta e comunica esclusivamente attraverso movimenti facciali. Le donne, però, possono tirare un sospiro di sollievo: Ever-1 è infatti solo (si fa per dire) un androide. Realizzata da un gruppo di scienziati coreani dell’Istituto di Tecnologia Industriale (Kitech) e presentata in questi giorni al Seoul Education Culture Centre, Ever-1 è stata ribattezzata così in onore della prima donna dell’umanità (al cui nome — Eve – si è aggiunta la "r" di robot). Riconosce all’incirca 400 parole ed è in grado di "esprimere" emozioni quali rabbia, gioia, tristezza e piacere. La sua "pelle" è fatta di un gel al silicone che la rende simile all’epidermide. A Ever-1 è però concesso muovere soltanto la parte superiore del corpo. Ma Baeg Moon-hong, uno dei suoi creatori, annuncia che a breve sarà già pronta una versione "aggiornata": "Ever 2, che potrà star seduta ma anche in piedi, debutterà al massimo entro la fine dell’anno".

Molti scienziati ritengono che questi robot siano in grado di svolgere diverse funzioni, non solo d’intrattenimento, ma anche educative e sociali: potranno ad esempio guidare i visitatori nei musei, giocare coi bambini, leggere loro le favole o fornire assistenza agli anziani.

La Sud Corea entra così in aperta competizione col vicino Giappone, leader globale (almeno finora) nel settore dei robot industriali e dell’elettronica di consumo. Nel novembre 2003, proprio in occasione dell’ "International robot exibition" di Tokyo era stata presentata Actroid, umanoide molto umana, nata dalla collaborazione tra la Kokoro Co Ldt e l’Università di Osaka. In Giappone quello della robotica personale è considerato il settore industriale più importante del 21esimo secolo. Non è un caso, quindi, che colossi dell’elettronica (come Honda, Sony, Jujitsu, Hitachi, Nec, Mitsubishi ed Epson) e del settore dei motori continuino a investire molto in progetti di sviluppo dei "personal robot".

Raffaella Serini

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link