Olimpiadi di Pechino 2008: 365 giorni all’alba.

9 Agosto 2007

PECHINO: Ad un anno esatto dall’apertura ufficiale dei Giochi, in Cina ieri è scoppia la febbre olimpica. L’intera giornata è stata infatti dedicata alla celebrazione del countdown finale, con ben 63 eventi previsti nelle principali piazze cinesi. Grazie alla mastodontica macchina promozionale creata dal Beijing Organizing Commitee (BOCOG, il comitato organizzatore di Pechino 2008), l’audience si è avvicinata ad un quinto della popolazione mondiale (ovvero gli abitanti della sola Cina), senza contare gli occhi puntati da fuori confine. Quattro le fasi previste per le celebrazioni, gran parte delle quali erano state svelate solo in parte per non rovinare l’effetto sorpresa. Si è iniziato con attività riguardanti il tema delle XXIX Olimpiadi, proposte dal BOCOG; a seguire iniziative promozionali dell’Amministrazione di Pechino; sempre nella capitale, eventi pubblici per la comunità, come sedute di fitness all’aria aperta, forum, mostre e concorsi musicali; infine una serie di attività che hanno coinvolto importanti centri nel resto della Cina. Senza dubbio però, il momento clou c’è stato in serata, dalle 19 alle 21 orario cinese (nel primo pomeriggio da noi), con la cerimonia commemorativa in Piazza Tienammen, alla presenza dei rappresentanti di Governo, Comitato Olimpico di Pechino e del Comitato Olimpico Internazionale, il cui presidente Jacques Rogge ha definito "impressionante" il lavoro svolto in vista dei prossimi Giochi. Tutt’altro che casuale la location, scelta ovviamente per l’indiscusso fascino, ma anche per riscattare in qualche modo l’esclusione dai Giochi toccata alla Cina nell’89, in seguito al massacro avvenuto nella primavera proprio in Piazza Tienammen. Allo stesso modo, Pechino 2008 sembra l’occasione tanto attesa dal Governo di Hu Jintao per togliersi qualche altro sassolino dalla scarpa, dimostrando al mondo intero di essere una nazione moderna e soprattutto vivibile, il tutto alla ‘modica’ cifra di 40 miliardi di dollari, importo superiore agli investimenti di tutte le olimpiadi passate sommati assieme.

Particolarmente intensi gli sforzi (e le spese) compiuti per trasformare la caotica, congestionata e inquinatissima capitale cinese, in un’oasi ecologica di pace, cercando così di freddare le immancabili polemiche, tutt’altro che infondate. Sembra essere questo il fine ultimo di "Green Olympics" (Olimpiadi Verdi), la campagna ‘ecologica’ voluta dal Governo, che prevede l’eliminazione sistematica di qualsivoglia fonte di smog, sporcizia, inquinamento, e perché no, anche delle critiche. Entrando più nel dettaglio, Pechino sarà trasformata su tre fronti: trasporti; approvvigionamenti elettrici; gestione acque e rifiuti.

Ecco che 100 veicoli ibridi a motore elettrico diventeranno i nuovi autobus pubblici in servizio nelle principali locations. Centinaia di mezzi elettrici come biciclette e scooter saranno a disposizione di atleti, giornalisti ed entourage nel villaggio olimpico. Inoltre, stando alle previsioni, entro il 2008 l’intera rete di trasporti pubblici di Pechino dovrebbe essere sconvolta, dotando l’80% degli autobus e il 70% dei taxi di motore non inquinante. Grandi numeri anche per gli approvvigionamenti di energia. Il 26,9% degli oltre 2 milioni di metri quadrati di ‘edifici olimpici’ sarà alimentato da energia solare, eolica e geotermica. Idem per i 7 maggiori stadi della capitale, tutti dotati di nuovissimi generatori solari con capacità di 480 chilowatt. Altri 50 mila chilowatt dovrebbero essere disponibili ad inizio 2008, grazie ad una mega centrale eolica situata fuori città, e destinata al funzionamento soprattutto di stadi e villaggio olimpico. La terza fase di Green Olympics prevede maggiori sforzi per evitare lo sperpero di risorse idriche, con nuovi sistemi di raccolta dell’acqua piovana e depuratori per le acque di deflusso, affiancati ad efficaci strategie di gestione dei rifiuti.

Ci siamo quasi. Meno di 365 giorni e vedremo se il Celeste Impero sarà riuscito a trasformare la sua vecchia e imbolsita capitale in una metropoli effervescente e a misura d’uomo.

Per news e aggiornamenti completi su Pechino 2008 suggeriamo il sito ufficiale en.beijing2008.cn oppure www.olympic.org.

Link Correlati

Emanuele Confortin