Pechino chiede più trade unions

29 Gennaio 2007

CANTON: Pechino ha ordinato alle multinazionali che operano nella provincia Guangdong di costituire sindacati ufficiali prima della fine del 2007. La legge cinese vieta infatti ai lavoratori di formare organizzazioni indipendenti dal Partito Comunista. Le autorità hanno sottolineato che le violazioni dei diritti dei lavoratori sono in aumento nel Guangdong, che conta oltre diciassette milioni di lavoratori immigrati dalle campagne, e il cui 70% dell’economia si basa sul settore privato. La provincia ha 137.000 trade unions, il più alto numero in tutta la Cina.