Pechino: Inflazione sotto controllo per l’inizio d’anno

a cura di: Lorenzo Riccardi

Archiviato in: in
Cina-Inflazione

Dopo aver toccato i valori massimi nel secondo semestre 2012, l’indice dei prezzi al consumo cinese è sceso nel mese di gennaio del nuovo anno.

L’Ufficio Nazionale di Statistica ha riferito venerdì che i consumatori cinesi pagano il 2% in più per beni e servizi nel mese di gennaio 2013 rispetto ad un anno fa.
Il dato e’ inferiore rispetto all’incremento del 2,5% annuo registrato a dicembre e conferma un’inflazione sotto controllo per Pechino. Il dato relativo all’anno precedente registrava un tasso di inflazione superiore al 4% con criticita’ e preoccupazioni crescenti per il nuovo Politburo al controllo del Paese.

I prezzi degli alimentari hanno registrato una flessione rispetto agli ultimi mesi in cui il clima rigido aveva spinto verso l’alto i prezzi di carne e verdure, soggetti all’impatto del clima. Il prezzo dei prodotti alimentari è un indicatore importante del costo della vita in Cina. Esso rappresenta oltre un terzo nel paniere adottato per calcolare l’indice dell’inflazione del Paese e per le famiglie e gli individui che risiedono nelle aree rurali costituisce la maggior componente della spesa annua.

Pechino punta a mantenere il tasso annuo di inflazione al di sotto del 4%, livello considerato coerente con la crescita economica e i consumi annui che registra la Cina.

Lorenzo Riccardi
Dottore Commercialista, Shanghai
lr@rsa-tax.com – RsA Asia

 

Lorenzo Riccardi

Lorenzo Riccardi

Insegna fiscalità asiatica presso Shanghai Jiao Tong ed è Adjunct Associate Professor alla Xian Jiao Tong Liverpool University. Si è specializzato in fiscalità internazionale all'IBFD di Kuala Lumpur e nel 2016 ha conseguito una borsa di studio per un progetto di dottorato di ricerca sulle economie del Far East presso Shanghai University. E’ segretario dell’Associazione degli Accademici italiani in Cina ed e’ stato ammesso come International Associate dell’American CPA Association, membro di Australia CPA, dell'Ordine dei Dottori Commercialisti, del Registro dei Revisori in Italia e International Affiliate dell’Hong Kong Institute of CPAs. Vive e lavora a Shanghai, dove si occupa di diritto commerciale e tributario, seguendo gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e gruppi societari, tra cui Giorgio Armani, Trussardi e Pomellato. E' socio dello Studio di consulenza RsA (www.rsa-tax.com), specializzato in Asia e paesi emergenti e ha ricoperto ruolo di Board Director della Camera di Commercio Italia-Vietnam, della Camera Italiana in Cina e di Chief Representative di Unimpresa a Shanghai. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam, per Maggioli Editore cura le guide dei paesi dell’Asia Orientale e per Wolters Kluver è il responsabile della banca dati Asia. E’ membro del comitato scientifico di Corriere Asia e Fiscalità Estera. Per l’editore Springer cura una collana di testi su temi in ambito contabile e fiscale legati alla Cina e i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese. Contatti: Website / LinkedIn

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link