Pechino: MIDI, maggio a suon di musica

a cura di:

Archiviato in: in
Pechino: MIDI, maggio a suon di musica

7 Maggio 2007

PECHINO: Una giornata di sole radioso ha salutato migliaia di fan arrivati in Pechino da tutta la Cina in occasione dell’apertura del MIDI (musical instrument digital interface ) festival il primo maggio.

Ormai alla sua ottava edizione, quello che può facilmente essere considerato il più grande appuntamento rock del paese ha quest’anno raggruppato un totale di 90 bands e 57 cantautori solisti che si esibiranno per quattro giorni sui cinque palchi montati nel parco Haidian.

Divisi per sezioni, i cinque palchi sosterranno acrobazie musicali divise per generi così, se il MAIN STAGE sarà il punto di riferimento per i gruppi più noti, il GIBSON GUITARE è stato riservato ai musicisti hardcore e punk, il MINI MIDI alla musica elettronica e sperimentale e lo YAN DANCE ai dj più in voga. Un’aggiunta rispetto agli anni passati: l’ HIP-HOP.

Tra i partecipanti, per citarne alcuni: Brain Failure, Su Yang & Band e Zi Yue per la parte cinese e Cruxshadows, Minuro Niihara and Friends, Liquido e Mohair per la rappresentanza internazionale.

Invitati da Greenpeace, co-sponsor del festival, Dave Stewart e Rock Fabulous presenteranno l’ultimo brano Greenpeace, che è anche lo slogan del festival. A questo proposito, il MIDI si è impegnato a mandare avanti una campagna di sensibilizzazione per spingere le nuove generazioni cinesi verso un atteggiamento attivo nei confronti della protezione ambientale (per la prima volta tutte le brochure sono addirittura state stampate su carta riciclabile!)

Il festival fa la sua prima apparizione nel maggio 2000 come promozione dei gruppi fuoriusciti dalla Midi Music School (privata), con un pubblico di appena un migliaio di persone, birra gratis e meno di trenta gruppi musicali che si esibirono all’interno della scuola.

Il boom di affluenze della seconda edizione spostò l’evento al di fuori delle mura scolastiche, nel nuovo campus vicino alle Colline Profumate: con 52 gruppi e diverse migliaia di persone, la stampa iniziò a paragonare il MIDI a Woodstock!!

Gratuito fino al 2003, il comitato organizzativo si è visto successivamente obbligato ad iniziare la vendita di biglietti data la mancanza di forti sponsor. I prezzi sono comunque decisamente abbordabili: 100 RMB (10 euro) per tutti e quattro i giorni o 50 RMB (5 euro) a ingresso!!

Considerate le circostanze della sua nascita, o anzi forse proprio grazie a loro, il MIDI si è sviluppato oltre ogni iniziale previsione al punto, da continuare a differenziarsi dai molti altri eventi musicali in Cina e in Asia in generale. Zhang Fen, rettore della Midi Music School, si augura che entro i prossimi dieci anni il festival riesca ad affermarsi come uno dei maggiori in Asia. E’ plausibile: ogni edizione vede aumentare il numero di partecipanti e di spettatori quasi a livello esponenziale e da quest’anno i musicisti, quelli cinesi almeno, verranno pure pagati.

Il festival si contraddistingue "…non tanto per la musica, quanto per ciò che rappresenta", ha detto Zhang Fen ad un’intervista rilasciata la vigilia dell’apertura. E’ vero: immaginare una cosa simile dieci anni fa era impossibile. "Il festival è libertà. Per questo teniamo i prezzi bassi e tentiamo di minimizzare la presenza della polizia, di spiegargli cosa sia il festival, perché è meglio stare in piedi piuttosto che seduti…", ha quindi aggiunto Zhang Fen.

Per quanto banali possano sembrare queste considerazioni, visto e considerato come vanno certe cose da queste parti, non c’è da prendere la questione alla leggera. Si corre sempre il rischio che le autorità decidano di far smontare la baracca nel bel mezzo della festa o che limitino il numero degli spettatori e quando e se il festival arriverà alle dimensioni previste, le grane potrebbero anche aumentare, anche se è altamente improbabile che venga sospeso. Con un’affluenza prevista di oltre 20 mila persone per quest’anno e le sue prospettive di crescita, si vocifera comunque che il Parco Olimpico possa diventare la venue fissa a partire dal 2009.

E’ ormai un appuntamento nazionale e quando il gruppo organizzativo inizierà una strategia di marketing più efficacie, è indubbio che il MIDI festival diventerà uno dei principali avvenimenti musicali rock della scena internazionale.

Per informazioni a riguardo, il website ufficiale è: www.midifestival.com

Olek Borelli