Pechino si fa dura su uso della terra

a cura di:

Archiviato in: in
28 Luglio 2006

Controlli più severi sono stati imposti nella concessione di terreni per frenare il boom di investimenti nei nuovi progetti infrastrutturali e industriali nel Paese, ha stabilito il Consiglio di Stato. Il giro di vite, deciso dal premier Wen Jiabao martedì, ma reso pubblico dai media statali giovedì, includerà misure per incentivare compensazioni e sussidi ai contadini la cui terra è stata usata per lo sviluppo di progetti. Tasse più alte saranno imposte anche nel passaggio di terreni per impedire l’uso illegale della terra, mentre i funzionari del governo locale affronteranno delle punizioni più severe per il coinvolgimento in espropriazioni indebite. Nonostante le direttive del Governo centrale per proteggere le zone rurali, i funzionari locali hanno spesso infranto le leggi in modo da assicurare grossi investimenti esteri nelle regioni. Secondo i rapporti dei media, 12.241 ettari di terre agricole sono state usate illegalmente per scopi non agricoli nei primi 5 mesi del 2006, +20% rispetto allo stesso periodo nel 2005.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link