Popolazione cinese, 1.5 mld nel 2030

a cura di:

Archiviato in: in
23 Giugno 2006

PECHINO: La popolazione cinese toccherà quota 1.5 miliardi entro il 2030, con uno squilibrio dei sessi pari a 119 ragazzi per ogni 100 ragazze.

Il rapporto di Ricerca sulle Strategie di Sviluppo della Popolazione Nazionale ha rivelato che la popolazione cinese, che ammontava a 1.307 miliardi alla fine del 2005, inizierà a diminuire gradualmente dopo la metà del 2030.

Lo studio ha rivelato che lo squilibrio tra i sessi si è stabilizzato, grazie ad un confronto con un censimento nazionale compiuto 6 anni fa, ma il suo livello resta ancora "preoccupante".

Il tasso normale (stabilito a livello internazionale) dovrebbe essere 103-107 di un sesso contro 100 di un altro, riferisce lo studio, tuttavia lo squilibrio tra uomini e donne in Cina nel 1990 era 111 contro 100.

Le famiglie cinesi, per tradizione, preferiscono i figli maschi, un favoritismo incentivato dalla controversa ‘politica del figlio unico’ lanciata agli inizi degli anni ’80 per frenare la crescita demografica.

Lo studio dà la colpa all’uso illegale di sistemi per l’identificazione del sesso del feto e dell’aborto, ma ha chiesto al Governo di non modificare le attuali politiche demografiche.

I media cinesi hanno infatti speculato su una possibile modifica della politica del figlio unico, dopo che diverse regioni, incluso il centro finanziario di Shanghai, hanno allentato il controllo sulle nascite con un secondo figlio.

Ylenia Rosati