Rolls Royce di nuovo in India

1 Giugno 2006

MUMBAI: Rolls Royce, un tempo l’auto preferita dai maharaja, ha aperto il suo primo rivenditore in India, pronta per servire i ricchi consumatori di un’economia in rapido sviluppo.

La società prevede di vendere in India tra le 10 e le 12 delle sue auto di lusso Phantom ogni anno, contro le 45-55 vendute in Cina ogni anno attraverso 3 rivenditori.

Per oltre 30 milioni di rupie (648mila dollari) la Phantom ha trovato lo scorso anno il suo primo acquirente indiano nel padrone di una scuderia, i cui chauffeur avevano ricevuto uno speciale training grazie ad un esperto giunto appositamente da Londra.

"I nostri sono obiettivi concreti: l’India è stata sempre tra i nostri target ed è la nostra ultima destinazione in Asia", dichiara Colin Kelly, direttore della divisione asiatico pacifica della Rolls-Royce Motor Cars Ltd.

"Il brand manca dal Paese da oltre 51 anni, perciò è nostra priorità aumentare la visibilità del prodotto", ha affermato Kelly presso lo showroom ospitato in una nuova lussuosa mall nella capitale commerciale del Paese, Mumbai.

"I potenziali acquirenti della Rolls Royce potrebbero essere degli imprenditori, degli sportivi, in sintesi qualcuno con 20 milioni di dollari in cash e azioni, amante delle auto, del buon design, dell’artigianato e ingegneria…questo è il tipo di persona che stiamo cercando", sottolinea Kelly. DaimlerChrysler ha dovuto affrontare una situazione piuttosto imbarazzante lo scorso anno quando si è scoperto che uno dei suoi clienti, un tycoon che aveva comprato una Maybach del valore di 56 milioni di rupie, come regalo di compleanno per la figlia, era ricercato dall’Interpol per un’inchiesta circa presunti legami con la malavita. Ma a parte questi problemi, come nel caso della DaimlerChrysler, i potenziali acquirenti della Rolls Royce potrebbero anche sentirsi scoraggiati da questioni di routine quotidiana, quali traffico caotico, strade dissestate e parcheggi inadeguati a Mumbai. Le auto della categoria Premium costituiscono finora solo il 3% del mercato automobilistico indiano in pieno boom, che prevede un raddoppio fino a quota 2 milioni di unità entro il 2010.

Ylenia Rosati