Romano Prodi in Cina per rafforzare i legami economici

a cura di:

Archiviato in
12 Settembre 2006

PECHINO: L’Italia spera di poter rafforzare i suoi legami con i paesi asiatici, questo quanto riferito ieri dal Sottosegretario degli Esteri Gianni Vernetti, a pochi giorni dall’importante visita del Primo Ministro italiano Romano Prodi in Cina.

Vernetti ha dichiarato che l’Asia è una delle priorità per la politica estera italiana, ed ha aggiunto che la visita di Prodi in Cina (dal 13 al 18 settembre) sarà seguita da un viaggio in India a febbraio e da uno in Giappone ad aprile. Nel frattempo, due delegazioni indiane visiteranno l’Italia a novembre.

Durante la conferenza stampa della scorsa settimana riguardante la sua visita ufficiale in Cina, Romano Prodi ha dichiarato di voler trasformare l’Italia nella "porta dell’Oriente". Inoltre ha sottolineato la necessita di creare forti relazioni economiche tra l’Italia e la Cina, paese che rappresenta una grande opportunità per il business italiano.

Prodi arriverà in Cina mercoledi 13, accompagnato da 4 ministri e tre sottosegretari, oltre a 12 rappresentanti delle 20 regioni italiane e alle delegazioni di Confindustria, ICE e ABI. Il Primo Ministro visiterà le quattro città cinesi che rappresentano il motore economico del paese: Nanchino, Canton, Shanghai e Tianjin. A Canton il premier, insieme al Ministro per il Commercio Internazionale Emma Bonino, aprirà la Fiera Internazionale delle Piccole e Medie Imprese.

Il viaggio si concluderà a Pechino, dove Prodi incontrerà il Presidente Hu Jintao e il Primo Ministro Wen Jiabao.

Silvia Angeli