Singapore: ancora difficoltà per il mercato azionario

a cura di:

Archiviato in: in
31 Agosto 2007

SINGAPORE: Continuano a farsi sentire sulla piazza di Singapore i timori suscitati dalla crisi dei mutui subprime negli USA che, a giudizio degli analisti, incideranno negativamente sulla fiducia degli investitori anche nelle prossime settimane. La seduta di giovedì si è comunque conclusa con un ribasso tutto sommato piuttosto contenuto, pari allo 0,41%, grazie soprattutto ai positivi risultati fatti registrare dalla borsa di Wall Street che ha consentito di limitare le perdite. A gettare acqua sul fuoco, in particolare, la prospettiva di un imminente taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve statunitense.

Se i titoli blue chip hanno registrato un andamento piuttosto positivo, le performance peggiori le hanno fatto segnare i titoli bancari, il comparto che maggiormente paga questa fase di incertezza: i ribassi più consistenti hanno riguardato DBS Group, United Overseas Bank e Oversea-Chinese Banking Corp. In negativo anche i titoli immobiliari, mentre un deciso rialzo ha riguardato Singapore Airlines, dopo le buone notizie sul già elevato numero di biglietti venduti per il nuovo Airbus A380 che entrerà in servizio ad ottobre.

La settimana azionaria era peraltro cominciata a Singapore sotto buoni auspici, visto il segno positivo della giornata di lunedì (+ 0,56%) a seguito della diffusione nel fine settimana dei dati relativi al mercato immobiliare statunitense, risultati migliori delle attese. Nella seduta molto bene sono andati i titoli immobiliari e, tra i bancari, United Overeas Bank (+ 0,40$).

L’instabilità del mercato immobiliare americano ha però inciso in negativo, ed in misura consistente, nella seduta di martedì: la diffusione dei dati che evidenziavano la maggiore flessione negli ultimi cinque anni nella vendita delle abitazioni non nuove ha fatto segnare una flessione dello Strait Times Index dell’1,34%. A farne le spese, in particolare, sono stati ancora una volta i titoli bancari, con DBS Group e United Overseas Bank che hanno perso, rispettivamente 0,60$ e 0,50$, mentre tra i titoli immobiliari si è segnalata, in negativo, City Developments, in perdita di 0,40%.

La caduta della fiducia dei consumatori negli Stati Uniti, unitamente ai timori legati ai mutui subprime, ha spinto in ribasso la borsa di Singapore anche nella giornata di mercoledì, con una flessione dello 0,25%. DBS Group ha annunciato che la propria esposizione nella vicenda dei mutui americani è raddoppiata nelle ultime 2 settimane, raggiungendo quota 1,5 miliardi di dollari statunitensi. Le uniche note positive della giornata sono venute dal settore dei trasporti e dal comparto delle telecomunicazioni

Fabio Grandin