Singapore: nuovo record per il mercato azionario

a cura di:

Archiviato in: in
17 Maggio 2007

SINGAPORE: Ennesimo exploit della borsa di Singapore che, a seguito di una settimana trascorsa all’insegna di continui rialzi, ha concluso anche la giornata di lunedi con un risultato estremamente positivo, favorito in particolar modo dai buoni risultati fatti registrare da Wall Street e dai mercati azionari asiatici più importanti.

La fiducia degli investitori è stata peraltro ulteriormente rinvigorita dalla diffusione della notizia secondo la quale Singapore ospiterà a far data dal 2008 un proprio Gran Premio di Formula 1, con evidenti aspettative di guadagno per il settore turistico e commerciale.

L’indice di Singapore, lo Straits Times Index, ha chiuso lunedi con un rialzo dell’1,57 per cento, raggiungendo quota 3501,10 e battendo il precedente record di 3485,76 fatto segnare lo scorso 4 maggio.

Ad incidere sul consolidamento del trend positivo del mercato azionario di Singapore hanno contribuito in modo sostanziale i forti guadagni registrati sulla piazza di Hong Kong a seguito della diffusione della notizia secondo cui il governo della Cina consentirà per la prima volta alle banche locali di acquistare azioni anche al di fuori dei confini cinesi. Alla notizia la piazza di Hong Kong ha reagito in modo estremamente positivo, facendo segnare il maggiore incremento da dieci mesi a questa parte e trascinando in rialzo anche la borsa di Singapore.

Tra i titoli azionari spicca la performance di Singapore Airlines che ha registrato un incremento di $0,40 per azione, anche per effetto dell’annuncio di profitti trimestrali quasi raddoppiati rispetto allo scorso anno grazie a delle entrate eccezionali.

Singapore Telecommunications ha guadagnato $0.12, mentre ST Engineering ha guadagnato $0.06 per azione.

Estremamente positivi anche i risultati fatti segnare dai colossi bancari, con DBS che ha guadagnato $0,20 per azione ed Overseas Bank che ha realizzato un rialzo di $ 0,30.

Tra le notizie di spicco della scorsa settimana a Singapore bisogna senz’altro segnalare l’annuncio del patron della Formula 1, Bernie Ecclestone, che ha dichiarato che a far data dal 2008 Singapore ospiterà per almeno cinque anni un proprio Gran Premio che potrebbe, secondo le intenzioni, svolgersi in notturna sotto le luci artificiali. Le sole perplessità legate all’iniziativa riguardano al momento le preoccupazioni per la sicurezza del circuito, ma sono in molti a ritenere che la gara potrà portare grandi benefici economici per le aziende di Singapore.

Si stima che nei giorni delle competizioni la città potrebbe attrarre almeno 100.000 visitatori con evidenti opportunità di guadagno per le imprese operanti nel settore turistico ed immobiliare, visto che sono segnalate già in rialzo le quotazioni degli edifici dislocati lungo il circuito cittadino che ospiterà la gara.

La rivista economica Forbes ha nel frattempo collocato Singapore al quinto posto tra i paesi con la minore pressione fiscale, preceduta solamente da Emirati Arabi Uniti, Qatar, Hong Kong e Cipro. I paesi che fanno registrate la maggiore pressione fiscale sono invece Francia, Belgio e Cina, che tuttavia viene segnalata positivamente tra i top performers per aver ridotto le tasse ad un’aliquota del 25 per cento. Risulta invece leggermente peggiorata la situazione di Singapore rispetto al 2006 alla luce dell’incremento di due punti percentuali sulle tasse per beni e servizi che entrerà in vigore da luglio di quest’anno.

Tra le altre notizie rilevanti della settimana vi è infine l’annuncio, da parte della società chimica tedesca BASF, di voler investire nei prossimi mesi ben 30 milioni di dollari per allestire un nuovo centro di ricerca e sviluppo a Singapore. Si tratterebbe del secondo centro di questo tipo per l’azienda tedesca che concentrerà a Singapore le attività di ricerca di componenti elettroniche di natura organica, così chiamati in quanto costituiti da molecole a base di carbone anzichè silicone come i tradizionali apparecchi elettronici.

Fabio Grandin