Squilibrio commerciale minaccia la crescita, ma la Cina non accetta troppe sollecitazioni esterne

a cura di:

Archiviato in: in
5 Maggio 2006

NUOVA DELI: I leader finanziari delle maggiori economie asiatiche hanno espresso ieri una forte preoccupazione circa gli sbilanci commerciali globali, mentre la Cina ha riferito di impegnarsi nel portare avanti la riforma dello yuan senza però prendere ordini dagli altri Paesi.

Alti funzionari politici si sono riuniti per il meeting annuale della Banca dello Sviluppo Asiatico (ADB) a Hyderabad, nell’India meridionale, dove il ministro delle Finanze cinese, Jin Renqing ha riferito che Pechino sta cercando concretamente di aumentare la richiesta interna e le importazioni proprio per risolvere il problema dello squilibrio commerciale.

E’infatti la Cina il vero centro del dibattito sullo sbilancio commerciale globale.

Diversi critici americani la accusano di mantenere volontariamente e "slealmente" basso il suo tasso di cambio, per favorire ancor di più il boom delle sue esportazioni.

"Il Governo cinese porterà avanti in maniera ferma e decisa le riforme economiche e svilupperà il mercato del cambio estero per rendere più flessibile il tasso di cambio dello yuan", ha riferito Jin nel corso di una conferenza stampa e ha aggiunto "La Cina intende lavorare congiuntamente con la comunità globale per risolvere gli sbilanci, attraverso consultazioni su basi egualitarie, ma non intendiamo seguire gli ordini di altri Paesi."

La Cina ha rivalutato lo yuan del 2.1% lo scorso luglio, tuttavia la valuta è ancora poco flessibile e da allora è cresciuta solo dell’1.3% rispetto al dollaro.

Tuttavia, Li ha sottolineato che Pechino non può agire troppo di fretta riguardo la riforma della valuta, perché deve comunque far fronte al debole settore bancario.

Con una popolazione di 1.3 miliardi di persone, quelle che il Gigante asiatico si ritrova ad affrontare sono delle sfide enormi. "Se ci muoviamo troppo velocemente avremo gravi conseguenze nel settore delle esportazioni, importazioni e dell’agricoltura", ha aggiunto Jin.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link