Thaksin torna sulla scena politica, a due mesi dal suo ritiro

a cura di:

Archiviato in: in
24 Maggio 2006

BANGKOK: Il primo ministro Thaksin Shinawatra ha ripeso ufficialmente ieri le redini del potere, presiedendo una riunione del Parlamento, a quasi due mesi dal suo ritiro.

Ora Thaksin è tornato al potere, riprendendo in mano il governo del Paese, che comincia ad avvertire le conseguenze del caos politico che ha dominato incontrastato da quando le elezioni generali del 2 aprile sono state dichiarate illegali.

Tra le prime questioni in cima all’agenda del premier, emerge l’approvazione di diversi progetti per la realizzazione di infrastrutture nel Paese del valore di 43 miliardi di dollari, più volte rimandata dopo che il Parlamento non è riuscito a nominare un nuovo primo ministro. Il primo ad essere discusso sarà un progetto per una nuova linea ferroviaria per Bangkok, per stimolare la crescita economica del Paese che sta rallentando a causa degli alti prezzi del petrolio.

Thaksin ha inoltre incontrato i capi della sicurezza nel Sud musulmano del Paese, e sta progettando un altro viaggio nella regione, dove oltre 1.300 persone sono state uccise in una rivolta separatista durata due anni.

La reazione al suo ritorno da parte dell’opposizione è stata piuttosto tranquilla, all’indomani delle celebrazioni che si terranno il prossimo mese per festeggiare il 60esimo anniversario del Re Bhmibol Adulyadej. L’Alleanza Popolare per la democrazia, che ha guidato la campagna anti-Thaksin costringendolo al ritiro, ha riferito che organizzerà un’altra protesta, una volta concluse le celebrazioni.

Ylenia Rosati