UE-Cina: nuove consultazioni per i rapporti commerciali

a cura di:

Archiviato in
9 Maggio 2006

PECHINO: Ieri 8 Maggio l’Unione Europea ha lanciato una pubblica consultazione destinata ad una revisione strategica dei rapporti commerciali ed economici con la Cina.

La Commissione Europea ha riunito tutte le parti interessate ad intervenire nello sviluppo di un programma di messa a punto delle relazioni fra l’UE e la Cina nella decade a venire.

La comunicazione della Commissione sui futuri nuovi rapporti commerciali ed economici UE-Cina dovrà essere ufficialmente pubblicata nell’ultimo trimestre dell’anno 2006.

Secondo quanto affermato dalla Commissione in un comunicato stampa, la crescita economica della Cina è l’evento cardine che sta segnando la storia del ventunesimo secolo, quindi i rapporti con la Cina rappresentano l’occasione di una sfida per l’evoluzione economica europea. "Il mercato crescente della Cina offre concrete e reali opportunità commerciali all’Unione Europea, così come lo sviluppo del mercato delle esportazioni della Cina offre una nuova sfida competitiva per i produttori e gli esportatori dei paesi UE", ha affermato il Commissario Europeo per il Commercio Peter Mandelson sottolineando inoltre l’importanza delle occasioni di investimento fra i due paesi.

L’UE ha sempre considerato la Cina un partner ideale con il quale poter sviluppare una serie di alleanza in molteplici campi. E’ chiaro come i rapporti commerciali da sempre abbiano costituito l’asse portante delle relazioni esistenti fra Unione Europea e Cina.

Oggi l’UE è in Cina il maggior investitore estero e il primo fornitore di prodotti tecnologici.

Tuttavia negli ultimi anni il costante aumento della competitività delle imprese cinesi e la conseguente tendenza all’investimento estero del paese hanno portato la Cina a qualificarsi al quarto posto della classifica economica provocando sempre maggior attenzione nel panorama mondiale.

"La Cina si sta sviluppando da paese che assorbe investimenti stranieri a paese che investe all’estero. Questo è un fenomeno molto positivo per la Cina ma anche per gli stessi paesi UE" ha affermato Zhang Gaofeng presidente della EEWG International Trade Limited, che opera nel mercato dell’import export internazionale. "L’importanza della crescita dell’industria cinese sta nel fatto che la Cina non è solo attiva nell’esportazione, ma mira anche ad investire nell’industria di questi paesi, permettendo una ulteriore crescita delle relazioni economiche" conclude Zhang Gaofeng.

L’industria cinese pare sia molto fiduciosa nelle capacità di crescere in un quadro economico internazionale che rispetti le leggi del mercato ed elevi il livello di cooperazione in diversi fronti.

"L’Unione Europea e la Cina stanno rafforzando la loro collaborazione anche nell’ambito della ricerca e dell’innovazione scientifica. Dobbiamo infatti ricordare che Cina ed UE hanno anche avviato il più vasto programma al mondo di cooperazione nella ricerca scientifica e tecnologica, denominato ‘EU-China Framework Program’, importante per la crescita dell’industria della scienza chimica". ha dichiarato Wu Xiangdong, manager del dipartimento relazioni estere della Sinochem Corporation, una delle maggiori aziende di import export di materiali chimici in Cina.

Melinda Brindicci

Condividi
Condividi
+1
Tweet