Vietnam, settori in cui investire: Tecnologia

9 Luglio 2007

HANOI: Il governo vietnamita ha recentemente approvato un piano generale per incentivare lo sviluppo del settore delle tecnologie e dei dispositivi elettronici, fissando l’ambizioso obiettivo di raddoppiare il volume delle esportazioni nei prossimi tre anni.

Per il raggiungimento di tale risultato, secondo una nota diffusa dall’agenzia di stampa governativa, le autorità vietnamite intendono introdurre politiche ad hoc volte ad incoraggiare gli investimenti di aziende straniere nel settore, per beneficiare in particolare del know-how necessario per elevare il livello qualitativo dei prodotti da offrire al mercato.

Nello specifico, il governo metterà punto nelle prossime settimane una politica fiscale volta a consentire una cospicua riduzione delle tasse per le imprese straniere che investiranno i propri capitali in Vietnam nel settore dell’elettronica e delle nuove tecnologie.

Secondo la Vietnam Electronics Industry Association, il Vietnam ha realizzato nel settore lo scorso anno un volume di esportazioni pari a 1,4 miliardi di dollari, segnando una crescita del 34,1% rispetto al 2005.

In base al piano illustrato dalle autorità vietnamite, il comparto tecnologico genererà nel paese almeno 300.000 nuovi posti di lavoro entro il 2010 e rappresenterà il settore guida dello sviluppo socio-economico del paese nei prossimi anni. Entro il 2010, inoltre, verrà realizzato un sistema legislativo adeguato per elevare il livello di protezione garantito agli investimenti delle imprese straniere, attraverso in particolare lo sviluppo di una normativa efficace in tema di tutela dei brevetti nell’industria elettronica.

L’ingresso del Vietnam nella World Trade Organization ed il rapido sviluppo economico hanno consentito di attrarre nel paese investimenti stranieri diretti per un ammontare pari a circa 10 miliardi di dollari, livello che si conta di raddoppiare già nel corso di quest’anno.

Gli investimenti più cospicui hanno riguardato proprio il settore tecnologico: la Intel, ad esempio, ha investito più di un miliardo di dollari lo scorso anno per la realizzazione di uno stabilimento di produzione, ricerca e sviluppo nei pressi di Ho Chi Minh City, mentre la taiwanese Foxconn ha già pianificato l’investimento di 5 miliardi di dollari per la realizzazione di almeno tre impianti nei prossimi anni.

Fabio Grandin

0/5 (0 Reviews)

ti è piaciuto questo contenuto?

esprimi il tuo giudizio

0/5 (0 Reviews)