Violente manifestazioni studentesche nella Cina centrale

a cura di:

Archiviato in: in
20 Giugno 2006

PECHINO : Migliaia di studenti cinesi scontenti delle strutture universitarie stanno manifestando da diversi giorni nel centro del Paese, a volte violentemente.

Le rimostranze sono iniziate giovedì sera con il saccheggio di una parte dei dormitori presso l’Università di Zhengzhou, messa lunedì sotto stretta sorveglianza dalla polizia.

Diverse migliaia di studenti hanno gettato ogni sorta di oggetti dalle finestre, prima di riunirsi nella città, prendendosela poi con dei negozi e con le auto.

"La protesta è cominciata il 15 giugno, quando circa 6-7mila studenti sono usciti dai dormitori e dalle classi per gettare dalle finestre tutto ciò che gli capitava, thermos, bottiglie ed estintori", dichiara un professore.

La ragione delle accese proteste studentesche deriva dalla notizia che il diploma che dovranno ricevere non porterà più il nome dell’università, ma quello di un dipartimento molto meno prestigioso dell’istituto.

"L’università ci ha ingannato", urla uno studente che aggiunge "ciò che ci fa più arrabbiare è che il mal funzionamento della struttura dura ormai da anni. Non possiamo più sopportarlo. Perciò abbiamo deciso di scioperare e non prenderemo parte agli esami."

Migliaia di studenti ieri hanno partecipato ad un sit-in davanti il palazzo principale dell’università, mentre centinaia di poliziotti si sono disposti nel quartiere universitario di Zhengzhou, capitale della provincia dello Henan.

La polizia locale e le autorità si sono rifiutate di commentare l’incidente, e i media cinesi hanno mantenuto il silenzio.

Ciononostante, su internet i siti di discussione che trattano l’accaduto si stanno letteralmente "infiammando".

Le rivolte studentesche sono da sempre un argomento sensibile in Cina, soprattutto se pensiamo che nel 1989 il movimento pro-democratico di piazza Tiananmen era cominciato proprio in questo modo, prima che si concludesse con una repressione sanguinosa il 4 giugno, ricorda uno degli studenti.

Ylenia Rosati

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link