Vivere con style, a Tokyo design e trend italiani in mostra per l’Interior Lifestyle 2010

a cura di: Paolo Cacciato

Archiviato in: in
tilf2

TOKYO: “Vivere” è un termine che oggi più che mai ben si accompagna alla definizione di “stile”. Sembrano esserne totalmente consapevoli i giapponesi che rappresentano una delle utenze al mondo più sensibili per quanto concerne trend, lifestyle e soprattutto dimensionamento in ottica personalizzata e caratterizzante dello spazio che li circonda.

Vuoi per una sensibilità quasi zen ormai pienamente e culturalmente radicata, vuoi per un amore spassionato per tutto ciò che è sinonimo di dettaglio, ricerca e carattere, l’occhio giapponese ha da sempre apprezzato armonia di forme, sviluppo di avanguardie in relazione con lo spazio circostante, adattamento e valorizzazione di nuovi concept incasellati in una dimensione di vita a misura d’uomo e, talvolta, espressione di una soggettività a tratti rallentata da uno stile di vita intenso.

Da una riflessione socio – culturale di questo tipo emergono dati interessanti per il mercato del design che vede nella clientela giapponese una risposta matura, costante e incalzante. E’ in questa atmosfera che domani si inaugura a Tokyo la ventesima edizione di Interior Lifestyle 2010, fiera internazionale del settore casa con proposte realmente “lifestyle”.

L’Italia è per tradizione uno dei Paesi più richiamati al mondo per quanto concerne innovazione, idee, creatività e bellezza e mai altrove come a Tokyo il design “bello e da viversi” trova accostamento così forte nell’identità del nostro Paese.

Il Padiglione Italia, su una superficie di 300 mq, coordinato dall’Istituto nazionale per il Commercio Estero, in collaborazione con Unionecamere, introdurrà ai visitatori giapponesi l’attività di 26 aziende italiane, alcune già presenti sul mercato e molte alla prima esperienza in Giappone.

Nel 2009 si sono registrate flessioni in negativo dell’import per quanto concerne prodotti del settore casa, ma secondo dati forniti dall’ICE, quanto registrato nei primi 3 mesi del 2010 pur confermando un parziale quadro negativo ereditato dal 2009 evidenzia diminuzioni piu’ attenuate rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’Italia si colloca su quasi tutte le voci doganali tra i primi 10 fornitori del Giappone, gli altri competitors sono principalmente gli altri Paesi asiatici, in primis la Cina – con quote spesso oltre il 50% del mercato –, e, solo per alcuni prodotti, altri Paesi europei come la Francia e la Germania.

La scorsa edizione Interior Lifestyle a Tokyo ha ospitato ben oltre 26.000 visitatori e gli organizzatori prevedono un’affluenza altrettanto cospicua per quest’anno. La visibilità fornita dall’evento è valorizzata da un’utenza di operatori del settore molto alta. Nel 2009 società specializzate nel settore costruzione e architettura, quali Daiwa House e Misawa Homes o divisioni specialistiche di grosse holding quali Mitsubishi Fudosan, Sumitomo Devolpment, Panasonic Electric Works hanno segnalato una partecipazione corposa in qualità di visitatori, insieme a rappresentanze e buyers provenienti dai maggiori Retail store e department store del Giappone fra cui Takashimaya, Daimaru, BEAMS Japan, Marui, Loft etc.

Fra le sezioni di particolare interesse vi è quella denominata Japan Style, un’area espositiva ad hoc dove verrà presentato un po’ quello che è il risutato della ricerca rielaborata di design, innovazione e tradizione in dimensione giapponese svolta però anche da studi e aziende straniere. Japan Style rappresenta l’evoluzione della scuola di ricerca estetica e funzionalità giapponese così come è stata “abbracciata” dalla sensibilità designers stranieri, amplificandone la portata in un respiro internazionale e multi caratterizzante.
Non poteva mancare il contributo italiano selezionato dagli organizzatori giapponesi: Fratelli Guzzini infatti presenterà il proprio concept nella sezione dining di Japan Style, mantenendo alto il ruolo che la produzione e la ricerca italiana gioca ancora oggi nel kitchen trend in Giappone.

 

Da Tokyo, Paolo Cacciato

LINK CORRELATI

Sito Ufficiale Tokyo Interior Lifestyle 2010

Sito ICE Japan

Ricerca, mediazione, supporto internazionalizzazione in Asia orientale

Paolo Cacciato

Paolo Cacciato

Coordinatore del Business Focus China e Far East e Docente di Marketing Strategy sui Mercati dell'Asia Orientale nei Master in Internazionalizzazione di Impresa del Nuovo Istituto di Business Internazionale di Milano, sinologo e nippologo specializzato in mediazione linguistica e interculturale applicata ai processi di business development. Presidente di Asian Studies Group ©, centro studi specialistico con sedi principali in Milano Roma Padova Torino; dirige in Italia il C.U.P.I. Centro per l'Unione delle Prospettive Internazionali, già consulente d' impresa per diversi gruppi italiani, coordina ADM-EA Consulting, studio specializzato in internazionalizzazione su Cina Giappone e Corea con sede principale a Milano e desk operativi in Kobe, Shanghai, Seoul.

Siamo a lavoro sul nuovo Corriere Asia!

Ricevi una notifica quando sarà Online
Ok voglio ricevere la notifica :) 
close-link