WTO, slittano negoziazioni Russia-Usa

a cura di:

Archiviato in: in
31 Marzo 2006

PECHINO: La frustrazione degli Usa, a causa dell’alto tasso di pirateria e contraffazione finora registrato in Cina, è purtroppo una delle ragioni del ritardo nella valutazione della richiesta della Russia di entrare nell’Organizzazione mondiale per il commercio (Wto), ha dichiarato ieri il rappresentante al Commercio, Rob Portman. "Una delle ragioni per cui non riusciamo a concludere in tempi brevi l’accordo con la Russia è che siamo preoccupati per il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale, non solo per ciò che concerne le leggi e i regolamenti ma anche nella loro applicazione", ha aggiunto Portman. "Prima della firma dell’accordo, dobbiamo assicurarci che la Russia possegga una forte politica anti-pirateria; questa è la lezione più importante che abbiamo appreso attraverso le negoziazioni che hanno poi permesso l’ingresso della Cina nel Wto nel 2001", ha sottolineato Portman in una conferenza stampa. Washington sta facendo pressione su Pechino affinché prenda delle posizioni nella lotta alla pirateria e alla contraffazione, e sta considerando seriamente di presentare un caso contro la Cina al Wto, qualora questa non agisca per far osservare le leggi previste dall’accordo. L’Associazione Internazionale per la Protezione della Proprietà Intellettuale, a nome di diverse società americane cinematografiche e discografiche, ha chiesto all’ufficio di Portman di sospendere gli attuali benefici commerciali concessi alla Russia a causa del fenomeno rampante di pirateria, che sembra sia costato all’America nel 2005 circa 1.76 miliardi di dollari. L’Associazione ha inoltre chiesto a Portman di nominare la Russia "paese straniero prioritario", una designazione riservata solo ai Paesi con il più alto tasso di pirateria. Il presidente russo, Vladimir Putin si è lamentato mercoledì accusando l’America di ostacolare la richiesta della Russia di entrare nel Wto (da ben 13 anni) tirando in ballo nelle negoziazioni sempre nuove questioni, accusa che Portman ha però negato in una dichiarazione precedentemente preparata. Portman ha anche detto mercoledì di sperare che Russia e America possano concludere al più presto l’accordo.

Ylenia Rosati